Home Informazioni per la stampaLe notizie stampa
logosgi


Le attività della SGI a Rio+20, conferenza sullo sviluppo sostenibile

Esposta nel padiglione del Giappone la mostra ‘I semi del cambiamento’

13/07/2012: Dal 20 al 22 giugno si è tenuta a Rio de Janeiro la Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (UNCDS). Questo evento segna il 20° anniversario della prima conferenza sull’ambiente e lo sviluppo (UNCED) avvenuta, sempre a Rio, nel 1992. La conferenza Rio+20 ha messo a fuoco due temi: un’economia verde nel contesto di uno sviluppo sostenibile e dell’eliminazione della povertà, e il quadro istituzionale per uno sviluppo sostenibile. Prima e durante la conferenza sono stati organizzati vari eventi collaterali: stand informativi, mostre e incontri sui temi relativi, ospitati nei diversi padiglioni. Nel padiglione del Giappone sono state esposte le innovazioni sulle tecnologie ecocompatibili e il risparmio energetico e illustrati anche il contributo del Giappone a una società “resiliente” al disastro in base alla lezione imparata dalla tragedia del terremoto del 11 marzo 2001. La mostra Semi di speranza: una visione della sostenibilità, passi verso il cambiamento , promossa dalla SGI e dall’organismo internazionale della Carta della Terra, è stata esposta nel padiglione il 13 giugno. La stessa mostra è esposta nel planetario di Rio de Janeiro dal 15 giugno al 15 luglio. In questa occasione sono stati aggiunti 15 pannelli che spiegano le iniziative sostenute in Brasile su queste tematiche. Inoltre, in entrambe le sedi, è stato mostrato il film Coltivare semi di speranza in Amazzonia , creato di recente dalla SGI, dove si focalizza l’importanza dell’educazione ambientale e si introduce il lavoro del Centro per la conservazione della foresta amazzonica affiliato della SGI brasiliana. Il 13 giugno Nobuyuki Asai, coordinatore della SGI per gli affari sulla pace, è intervenuto al simposio organizzato dalla Carta della Terra dal titolo Esplorando le sinergie tra i valori della fede e l’educazione per uno sviluppo sostenibile che presentava una omonima pubblicazione sostenuta dall’UNESCO. Questo testo mette in evidenza il contributo delle diverse religioni e fedi all’educazione per uno sviluppo sostenibile. Asai ha delineato le motivazioni alla base dell’impegno dell’SGI in tale tipo di educazione e ha introdotto la recente proposta di Daisaku Ikeda sullo sviluppo sostenibile scritta proprio in occasione di Rio+20 (Per una società globale sostenibile: ogni persona è protagonista del cambiamento di prossima pubblicazione su Buddismo e società, n. 145, settembre ottobre 2012) in cui sottolinea l’importanza di incoraggiare un’assunzione di responsabilità personale e di leadership negli individui in modo da creare onde di trasformazione all’interno delle comunità e della società. Il 21 giugno, l’organizzazione Mayors for Peace (Sindaci per la pace) ha esposto di fronte al padiglione del Governo di Rio de Janeiro un carro armato, a grandezza naturale, ricoperto di pane a simboleggiare il bisogno di reindirizzare i fondi per le armi verso il cibo, e ha diffuso un appello per il Disarmo e lo sviluppo sostenibile. Tra i relatori un alto rappresentante dell’ONU per il disarmo, l’ambasciatore Sergio Duarte; Akira Kawasaki dell’esecutivo di Peace Boat; e Hiro Sakurai direttore dell’ufficio Onu dell’SGI a New York. Il 20 giugno l’SGI ha inoltre copresentato un tavola rotonda interdisciplinare sul ruolo dell’educazione e la promozione dell’insegnamento allo sviluppo sostenibile. Adattato dal articolo apparso su sgi.org : http://www.sgi.org/news/s-development/sd2012/sgis-activities-at-rio20-un-conference-on-sustainable-development.html

Le attività della SGI a Rio+20, conferenza sullo sviluppo sostenibile - Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai
© Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai 2017 . Tutti i diritti riservati