Home Informazioni per la stampaLe notizie stampa
logosgi


L’eredità di Josei Toda

Il 2 aprile ricorre l’anniversario della morte del secondo presidente della Soka Gakkai

02/04/2012: Il 2 aprile del 1958 moriva, a soli 58 anni, il secondo presidente della Soka Gakkai Josei Toda.
La Soka Gakkai, nella forma in cui si presenta oggi, dipende in gran parte dalle scelte e dalla visione lungimirante di quest’uomo che seppe cogliere le enormi sfide del suo tempo, quella del regime militare, della guerra e della ricostruzione post-bellica, facendo del sincero interessamento per le persone comuni e per la pace la passione della sua vita.
Sono infatti le enormi difficoltà della società giapponese dopo la Seconda guerra mondiale a far intuire l’enorme potenziale che il Buddismo di Nichiren poteva avere nel miglioramento concreto delle condizioni di vita della gente, disillusa e sofferente per i disastri della guerra. Era giunto il momento di farlo non più solo come organizzazione per l’educazione: bisognava allargare la Soka Gakkai a tutta la società. La grande forza e la grande volontà di Toda furono quelle di veicolare le complesse scritture buddiste attraverso delle guide pratiche quotidiane accessibili a tutti. Inizia così, grazie anche all’impegno e alla dedizione del discepolo Daisaku Ikeda, una nuova era per la Soka Gakkai di grande popolarità e di espansione.
Uno degli ultimi e più importanti contributi del maestro Toda fu, in piena Guerra fredda nel 1957, la dichiarazione contro le armi nucleari e l’attribuzione ai giovani della piena responsabilità di portare avanti questo obiettivo. Un lascito che ha tracciato in maniera inequivocabile la missione universale della Gakkai, permettendo la diffusione su scala mondiale del Buddismo di Nichiren Daishonin concretizzata nei decenni successivi dall’infaticabile operato dell’attuale presidente Daisaku Ikeda e di tutta la comunità buddista.

L’eredità di Josei Toda - Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai
© Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai 2017 . Tutti i diritti riservati