Home Informazioni per la stampaLe notizie stampa
logosgi


Sotto il cielo di Roma da tutta Europa

Insieme per commemorare cinquant’anni dall’inizio della diffusione del Buddismo di Nichiren Daishonin nel nostro continente

Palalottomatica 22 ottobre 2011

24/10/2011: Il Palalottomatica, illuminato da un sole che dopo il tempo dei giorni precedenti era impensabile avere, ha accolto il 22 ottobre quattromilacinquecento persone dai visi luminosi provenienti da ventotto paesi europei e da tutta la penisola per celebrare il 50° anniversario di kosen-rufu in Europa.
Mano a mano che i partecipanti entravano saluti, abbracci, sorrisi, lingue diverse, all’insegna del battito del cuore (leitmotif dell’intero evento) della relazione tra maestro e discepolo.
In una mirabile fusione di immagini, musica dal vivo, interviste filmate, che sono seguite agli interventi e alle esperienze dei responsabili giapponesi ed europei (che grazie alla sottotitolazione sul grande schermo potevano essere seguiti contemporaneamente nell’altra lingua) i partecipanti hanno potuto rivivere la forza dell’intenzione del cuore del maestro e riconoscersi come discepoli uniti da uno scopo comune: il desiderio di una società diversa, rispettosa della vita, pacifica, per questo vincente.

Nel suo messaggio inviato per l’occasione, Daisaku Ikeda ha detto tra l’altro: «Sono immensamente felice di poter celebrare questa pietra miliare insieme a tutti voi, miei amati compagni di fede della Sgi europea. Oggi la grande alleanza della Soka Gakkai Internazionale, fondata sui principi umanistici del Buddismo, risplende sempre di più, continuando a espandere il suo raggio di speranza e di amicizia in tutto il continente europeo. Ciò è accaduto grazie alla vostra sincera dedizione in questi lunghi anni. La Sgi europea ha trionfato. Tutti voi avete trionfato.
È mio profondo desiderio che ognuno di voi faccia di questa riunione generale europea una nuova partenza per avanzare ancora, e vi chiedo di lottare in allegria e con gioia per continuare a diffondere la pace, la felicità e l’amicizia nella società».
Il sogno di una società diversa, di un Europa unita, era lo stesso che mosse il Conte Coudenhove-Kalergi – uno dei principali sostenitori dell’unificazione europea, citato in più di un intervento – spinto dal desiderio di “eliminare la miseria” dall’Europa. Egli diceva: «L’Europa unita, che stiamo cercando di creare, non dovrebbe essere solo un corpo unico da un punto di vista politico ed economico, ma deve esserlo per unire gli spiriti umani». Una sfida che ora sta dando origine a una nuova corrente nella storia dell’umanità.
Sottolineando la forza di cambiamento che le donne possono far emergere con una fede salda in unità con il maestro, Kayoko Asano, responsabile delle donne della Soka Gakkai Internazionale, si è soffermata sull’importanza di “partire sempre dalla preghiera”. Ricordando le parole di Nichiren Daishonin: «Che qualcuno riesca a legare i cieli, che le maree cessino di fluire e rifluire o che il sole sorga a ovest, non accadrà mai che la preghiera di un praticante del Sutra del Loto rimanga senza risposta» (RSND, 1, 306), ha detto che le donne della Soka Gakkai «hanno dato prova concreta della forza dei benefici derivanti dalla non dualità di maestro e discepolo, una forza che riesce a smuovere la terra, il cielo, gli oceani e il sole».
«Il movimento di kosen-rufu è, senza ombra di dubbio, una delle grandi realizzazioni del maestro Ikeda in questo mezzo secolo» ha affermato Yoshitaka Oba, direttore generale della Soka Gakkai Internazionale. Per questo la Soka Gakkai dovrà continuare a perseguire la costruzione di una “Gakkai dei giovani”. «I vostri volti sorridenti, espressione di vittoria, sono una sorgente di speranza che illumina l’intera umanità. La vostra prova concreta è la felicità che si estende come un’onda su tutto il globo».
Tae Takahashi, responsabile delle giovani donne europea, esile ma dall’energia impetuosa, ha riaffermato che, come scrive Daisaku Ikeda nella Nuova rivoluzione umana: «“Il rispetto della santità della vita significa che il diritto alla vita degli esseri umani, la loro individualità e la loro felicità non sono sacrificabili a niente e a nessuno. Senza la diffusione mondiale di una grande filosofia che sostenga questa verità, l’umanità non godrà mai di vera pace e vera felicità”. (NRU, 12, 215). Per questo ciascuno di noi, nella sua diversità, ha una missione unica che è veramente insostituibile; ognuno di noi è infinitamente prezioso».

Un’emozione speciale ha suscitato un video (senza parole ma dalle scritte, immagini e musica immensamente trascinanti) delle tappe dei viaggi di Daisaku Ikeda in Europa e l’esecuzione dell’intermezzo della Cavalleria rusticana da parte di un’orchestra commossa che ha commosso tutti quanti.
I giovani e giovanissimi, presenti anche in esperienze filmate, hanno intonato una canzone inedita scritta per l’occasione, e l'intero evento si è concluso con un Inno alla gioia cantato in tedesco da un coro di uomini e donne e poi, in crescendo, da tutto lo stadio al completo.

(Tutti gli interventi verranno pubblicati integralmente su uno dei prossimi numeri della rivista Il Nuovo Rinascimento)


Sotto il cielo di Roma da tutta Europa - Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai
© Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai 2017 . Tutti i diritti riservati