Home Informazioni per la stampaLe notizie stampa
logosgi


Messaggio del presidente Daisaku Ikeda ai membri del Tohoku

Sabato 19 marzo

19/03/2011: Il mio cuore è nel Tohoku, con voi tutti che mi siete così cari. La distruzione è stata veramente enorme e ha arrecato una grande sofferenza a tutti noi. Ancora una volta vi esprimo la mia più profonda solidarietà. In mezzo a questa devastazione straziante voi state facendo il massimo, con lo spirito altruistico dei bodhisattva, con il coraggio, la compassione e la saggezza dei Budda, per incoraggiare e sostenere le persone intorno a voi, e per aiutare e portare soccorso a tante altre persone nelle zone colpite. Il mio maestro, il secondo presidente della Soka Gakkai Josei Toda, che aveva un profondo e indelebile amore per la regione del Tohoku, diceva spesso: «Il vero valore di una persona si rivela nei momenti cruciali. In un momento di crisi potete sempre contare sulla gente del Tohoku». Èd è esattamente come dice lui. Vorrei esprimervi il mio supremo rispetto, mentre nel mio cuore cadono lacrime di profonda emozione, per gli sforzi incredibili e le lotte che state facendo, voi, membri del Tohoku di cui ho un ricordo di meravigliosa onestà, gentilezza, sincerità e tenacia. In una lettera a una donna sua seguace che aveva perso un amato membro della sua famiglia il Daishonin scrive: «Chi abbraccia il Sutra del Loto comprenderà che l’inferno stesso è la Terra della Luce Tranquilla» (L’inferno è la terra della Luce Tranquilla, RSND, 1, 403). Coloro che recitano Nam-myoho-renge-kyo e vivono in accordo con la Legge mistica possono non essere sconfitti anche dal più doloroso lutto o sofferenza perché possiedono dentro di loro l’indistruttibile stato vitale della Buddità. Una volta Toda disse a un membro del Tohoku: «Il Daishonin ha trionfato completamente su ogni difficoltà e persecuzione che ha incontrato. Questa è la prova concreta. Anche tu hai la Legge mistica, hai la Soka Gakkai, quindi anche tu puoi fare lo stesso». Posso solo immaginare il grande tormento di quelli di voi che stanno ancora aspettando una conferma che i propri cari e amici sono in salvo, e di sapere dove si trovino. Mia moglie e io stiamo continuando a inviarvi un fervido Daimoku. Il Daishonin scrive: «Anche se il tuo corpo dovrà affrontare i pericoli insiti in questa situazione critica, la tua mente è una sola cosa con la mente del Budda» (La refutazione dei tre gran maestri, WND, 2, 958-959, trad. provv.). Qualsiasi siano le circostanze o la situazione, le nostre sono le menti e i cuori di persone che si dedicano alla causa di kosen-rufu, e quindi riflettono la stessa vasta condizione mentale di un Budda. Vita dopo vita saremo insieme, saremo indivisibili nel regno di Buddità pervaso dalle quattro nobili virtù di eternità, felicità, vero io e purezza. Anche se momentaneamente dovessimo essere separati dai nostri cari, gli insondabili e mistici legami che collegano le nostre vite non saranno mai recisi. I membri e gli amici di tutto il Giappone e del resto del mondo sono commossi e colpiti dal modo coraggioso in cui voi del Tohoku vi state unendo insieme, perseverando e rifiutando di farvi sconfiggere da questo disastro di dimensioni senza precedenti. Vedere quante persone d’immense capacità ci sono nel Tohoku è veramente fonte di ispirazione per tutti. Sono ormai trascorsi sessant’anni dalla fondazione del capitolo Sendai, uno dei capitoli più dinamici della Soka Gakkai. Insieme, voi ed io, abbiamo costruito una fortezza invincibile di persone capaci nel Tohoku in accordo con il desiderio e il sogno di Toda. Jiro Abe (1883-1959) famoso filosofo giapponese nativo del Tohoku, affermò: «In qualsiasi situazione la più grande sorgente di forza è la filosofia». La suprema filosofia umanistica del Buddismo di Nichiren Daishonin ci permette di agire nella maniera più nobile e umana. Circa 250 anni fa Lisbona, la capitale del Portogallo, fu distrutta da un grande terremoto seguito da uno tsunami e da una serie di incendi che infuriarono in varie parti della città. Ma gli abitanti si alzarono decisi a intraprendere una massiccia opera di ricostruzione. Così, mettendo insieme talenti e risorse di innumerevoli persone, riuscirono a ricostruire Lisbona, facendola diventare una città ideale. So quanto sia duro tutto ciò che state passando, so quanto siano atroci le sofferenze che state provando, ma spero che continuerete a ricostruire nel Tohoku una fortezza di armonia umana destinata a durare in eterno, che vi guadagnerà l’ammirazione di tutta la popolazione mondiale; e, mentre lo farete, ogni giorno incommensurabili benefici si accumuleranno nella vostra vita. Reciterò con forza anche perché voi tutti, miei cari amici del Tohoku, possiate stare bene e farò tutto ciò che è in mio potere per inviarvi sostegno e assistenza. Per consolidare le fondamenta di kosen-rufu in Giappone è vitale che il Tohoku, avendo subito un simile disastro senza precedenti, raggiunga una prosperità e un successo altrettanto senza precedenti. Miei preziosi, preziosi compagni di fede del Tohoku, vi prego, abbiate cura di voi! State bene! Vi sto mandando Daimoku incessantemente. (Traduzione dal Seikyo Shimbun, 18 marzo 2011)

Messaggio del presidente Daisaku Ikeda ai membri del Tohoku - Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai
© Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai 2017 . Tutti i diritti riservati